“E’ proprio nel diritto della DONNA e anzi        compie una sorta di dovere quando si studia  di  apparire magica e soprannaturale: 
è necessario che stupisca e incanti.”
[Cit. Charles Baudelaire]

Occhi Fumanti“, questo il significato di Smokey Eyes, un make up che ritorna sempre e non conosce stop.

TimeLab e la storia degli SMOKEY EYES. Secoli di storia, di scoperte e tradizioni hanno portato, soprattutto grazie alle scoperte scientifiche e alla medicina, al perfezionamento dell’arte del Make Up.

Già nel 4000 a.C., alcuni reperti archeologici, come le statuette dei Sumeri, dimostrano come fosse diffusa la tendenza a marcare, per esempio, il contorno occhi con il colore nero, tendenza presente d’altronde in tutta l’area della Mesopotamia del tempo e dell’Egitto. I primi ad aver creato una vera e propria linea cosmetica sono stati appunto gli egiziani.

Dedito al culto della bellezza e della cura della persona, il popolo di Cleopatra ha sviluppato un ampio assortimento di prodotti cosmetici tra cui il Kohl, una polvere di colore scuro ottenuta dalla macinazione del bruciato di mandorle, il piombo e il rame, minerali, cenere e ocra. Tutte queste sostanze venivano prima lavorate accuratamente per poi venire applicate sugli occhi con un bastoncino per dare all’occhio uno sguardo a mandorla, considerato molto attraente e nobile.

PENNELLI

Dopo secoli di oblio, lo Smokey Eyes venne ripreso negli anni ’20, caratterizzato in quest’epoca dal viso chiaro reso ancora più diafano dalla polvere di riso. Gli occhi malinconici ottenuti sfumando l’angolo esterno verso il basso, le labbra piccole e a cuore rosso porpora e le sopracciglia sottilissime e alte si legavano tra loro creando un effetto particolare e ricercato.

Negli anni ’80, con il trucco che diventa “espressione dell’essere”, lo Smokey divenne pesante ed accentuato: gli occhi, scuri e drammatici, venivano truccati con l’aiuto di molti strati di eyeliner e ombretti brillanti nelle tonalità blu, verde e viola.

Gli anni ‘90 fanno da sfondo al successo di un nuovo stile di Smokey Eyes. Le labbra passano decisamente in secondo piano, concentrando il colore (quasi sempre nero o color wengé) sugli occhi e lasciando le labbra nude look. Oggi assistiamo ad una grande popolarità di questo stile di trucco, dove il punto luce viene creato lasciando la pelle priva di trucco a favore di una ritrovata naturalezza Glam.

Erroneamente a quanto si pensa, lo Smokey Eyes è un trucco adatto a tutte le tipologie di viso e di occhi, mette in risalto gli occhi chiari e rende molto sensuali gli occhi scuri, dà intensità e profondità allo sguardo ed è utile per nascondere i piccoli difetti del contorno occhi perché crea una sorta effetto ottico, che rende i nostri occhi perfetti.

Importante è evidenziare il proprio sguardo e lasciare il resto in secondo piano…e poi via libera ai colori!

Lo Smokey Eyes infatti non è fatto solo di chiaroscuri realizzati con qualche punto luce e tonalità prettamente sul nero e grigio scuro; si può anche creare uno Smokey colorato con toni del blu, marrone, prugna o verde utilizzando sempre pennelli adatti a sfumare.

Vuoi imparare i segreti del TRUCCO PROFESSIONALE?

Rendere il tuo sguardo irresistibile e ammaliante adesso è facile:

CORSI di MAKE UP con TIMELAB,

Realizza le tue PASSIONI…